Martedì, 25 ottobre 2022

Milano-Bicocca e Fujita Health University: scambio didattico e di ricerca

Milano-Bicocca e Fujita Health University:  scambio didattico e di ricerca

Monza, 25 ottobre 2022 – Continua lo scambio didattico e di ricerca tra l’Università di Milano-Bicocca e la Fujita Health University di Toyoake, in Giappone. Unico partner europeo dell’ateneo giapponese, Milano-Bicocca ha ospitato il professor Motoshi Suzuki e il professor Tatsuro Mutoh in prossimità del rinnovo dell’accordo. La partnership prevede lo scambio reciproco di studenti di Medicina degli anni più avanzati (5° e 6°) per svolgere brevi periodi (da uno a tre mesi) di tirocinio clinico in vari reparti ospedalieri. Inoltre, è previsto che gli studenti vengano ospitati gratuitamente nelle rispettive residenze.

L’accordo bilaterale, siglato per la prima volta nel 2006, è stato successivamente confermato fino al prossimo rinnovo che avverrà nel maggio 2023. Dal 2007 ad oggi sono stati ospitati 25 studenti giapponesi, mentre 41 studenti dell’Università di Milano-Bicocca si sono recati in Giappone. Lo scambio di studenti, interrotto negli anni della pandemia, è ripreso nel 2022 con tre studenti italiani, mentre gli studenti giapponesi torneranno in Italia già dal prossimo anno.

La FHU è un’università privata, fondata nel 1964, situata a Toyoake, distretto di Aichi, vicino a Nagoya. Comprende una Scuola di Medicina e una di Scienze della Salute a cui fanno capo sei Facoltà (Tecnologie Mediche, Infermieristica, Tecnologie Radiologiche, Riabilitazione, Ingegneria Clinica, Management Medico e Servizi Informativi). L’ospedale associato è uno dei più grandi e moderni del Giappone con più di 1500 letti. Comprende delle eccellenze assolute, tra cui un reparto di riabilitazione motoria che è il più ampio del Paese e uno avanzatissimo di indagine diagnostica per immagini.

In occasione dell’incontro, gli ospiti nipponici hanno visitato tre reparti, diretti da docenti di Milano-Bicocca presso l’Ospedale San Gerardo di Monza, ospedale universitario di riferimento per l’ateneo. Accompagnati dal professor Pietro Invernizzi, Direttore del Dipartimento di Medicina e Chirurgia, dalla professoressa Ilaria Rivolta, vicedirettore del Dipartimento, dal professor Marco Parenti, coordinatore della mobilità internazionale e dalla dottoressa Laura Radice, Direttore Sanitario della ASST Monza, i professori della FHU sono stati accolti dal professor Gianpaolo Basso dove in Neuroradiologia ha mostrato il tomografo a risonanza magnetica (RM) a 3 Tesla, un’apparecchiatura all’avanguardia nella diagnostica in grado di restituire immagini strutturali e funzionali di tutto il corpo umano, una strumentazione fondamentale in ambito neuroradiologico e oncologico finanziata dall’Università di Milano-Bicocca e destinata sia ad attività cliniche sia ad attività di ricerca.

Il professor Stefano Arcangeli ha invece illustrato il funzionamento del nuovo acceleratore lineare “Versa HD”, installato nel mese di luglio 2022 presso l’Unità operativa complessa di Radioterapia, di cui potranno beneficiare fino a 40 pazienti ogni giorno, in grado di erogare con elevatissima precisione la dose di radiazioni in tempi significativamente più brevi nel corso di ciascuna singola seduta di radioterapia, con evidente vantaggio per il comfort degli utenti

Infine il professor Biagio Eugenio Leone, Direttore della Struttura Complessa di Anatomia Patologica e il suo staff hanno mostrato le tecniche più innovative per il sequenziamento genico, gli esami istologici e citologici, la diagnostica molecolare sui tumori solidi e i sequenziatori di ultima generazione.